Blefarocalasi

Per blefarocalasi, in campo medico-oculistico, si intende un rilassamento anormale della cute della palpebra superiore associata a una perdita della sua tonicità (detta lassità). Ciò può provocare fastidi visivi alla persona, fino ad arrivare alla copertura della pupilla, riducendo il campo visivo. La sua gravità può variare, ma soltanto le forme più gravi necessitano di trattamento; viceversa, quelle più lievi comportano solo problemi di carattere estetico.

Principalmente riguarda persone di entrambo i sessi di età avanzata, tra i 45 e i 85 anni, la causa principale è da attribuirsi a un’atrofia tissutale legata all’invecchiamento.

 

Dott. Pietro la Bruna